Posted on

Don Luigi Di Liegro: La voce degli ultimi

Fin dalle prime battute del libro della professoressa Maria Alba Pezza “Don Luigi Di Liegro, la voce degli ultimi” sulla vita e l’opera di don Luigi Di Liegro, emerge, sia pur a grandi linee la figura di un apostolo che ha fatto della sua vita un dono d’amore per il prossimo, mettendo la sua umile persona a servizio degli ultimi, degli emarginati, dei diseredati. Don Luigi Di Liegro comprese ben presto che non è un distintivo o una tessera a identificare un discepolo di Gesù, ma un amore generoso e disinteressato per gli altri.
Il suo obiettivo è stato l’uomo debole in cerca di giustizia e rispetto e per questo ideale si è prodigato instancabilmente fino a compromettere la propria salute fisica.
Amava ripetere: “Non si può amare senza condividere”.
Le pagine dell’autrice Maria Alba Pezza si lasciano leggere tutte di un fiato e mettono dentro il desiderio di rileggerle più volte non soltanto per lo stile sobrio e scorrevole quanto anche per il contenuto che “cattura” il lettore, immergendolo fortemente nel vissuto di don Luigi, facendolo contagiare da don Luigi stesso a seguire il suo esempio.
La lettura di questo libro sortisce un duplice effetto: il prendere coscienza della grandezza umana di chi non c’è più e il percepire che si è inseriti nel cammino da lui intrapreso che non possiamo fermare.
don Giuseppe Sparagna
Parrocchia di S. Giacomo – Gaeta

Maria Alba Pezza, scrittrice e docente di lettere, vive attualmente a Gaeta, in provincia di Latina.

#Amazon

Please follow and like us:
error
Posted on

Il primo principio della filosofia confuciana

Si diceva una volta – ai tempi in cui dominava l’eurocentrismo – che la Cina non aveva e non ha mai avuto una filosofia. Oggi le cose sono cambiate. Il mondo è più vasto dei confini dell’Europa e ormai ben pochi osano affermare ciò. È un fatto che da sempre il ceto dirigente della cultura e della politica cinese è stato confuciano e lo sta gradualmente ridiventando pure ai nostri giorni dopo un secolo di crisi e sbandamenti; per cui diventa evidente che per capire i cinesi – ma poi anche i coreani, i giapponesi e i vietnamiti – è indispensabile capire la filosofia confuciana.

L’autore

Umberto Bresciani, nativo di Cremona, ha conseguito il dottorato in Lettere cinesi alla National Taiwan University di Taipei, Taiwan. Attualmente è docente presso l’Università Cattolica Fujen di Taipei. Esperto dei temi attinenti al dialogo religioso e culturale con il mondo cinese, ha pubblicato, in particolare, Reinventing Confucianism. The New Confucian Movement (Taipei 2001), tradotto in italiano come La filosofia cinese nel ventesimo secolo. I nuovi Confuciani (2009)

#Amazon

Please follow and like us:
error