Posted on

Obesity. Come perdere peso aiutando gli altri

Questo libro è il frutto di un percorso personale della mia battaglia per combattere l’obesità. Nell’ultimo decennio ho sofferto di una grave forma di obesità arrivando a pesare circa 150 kg, con apnee notturne di stato severo, ipertensione e difficoltà nei movimenti.
Come assistente sociale sono stato anche molto colpito dal problema della povertà, della fame del mondo, di milione di persone che muoiono per malnutrizione. E mi sono accorto che risolvendo il problema dell’obesità potevo contemporaneamente occuparmi degli altri. Nel nostro pianeta secondo gli esperti i due problemi sono collegati. Obesità e fame del mondo sono due facce della stessa medaglia, ed è importante affrontare queste problematiche in modo sistemico. Fame materiale e fame d’amore sono due sfide e una chiamata comune a porvi rimedio, ritrovando il senso del proprio vivere ed un rapporto sano con il cibo facendo pace con se stessi e con Dio.
Ad oggi ho perso più di 50 kg grazie ad un percorso di Cristoterapia integrata e mi piace adoperarmi per portare un messaggio di aiuto a quanti vivono questo problema del mangiare in eccesso e realizzare progetti di contrasto alla “fame” nel mondo.

Furio Panizzi

Furio Panizzi, lavora da più di venti anni come Assistente Sociale. Ha sofferto lui stesso di gravi problemi di obesità. Ha perso 50 kg grazie a percorsi di Cristoterapia integrata e porta la sua testimonianza a chi ancora soffre a causa di tali problematiche.

Compralo su Amazon!

Please follow and like us:
error
Posted on

50 curiosità sulla gelosia

La Gelosia è uno stato emotivo vecchio come il mondo descritto da letterati, rappresentato da insigni pittori e protagonista della musica e della cinematografia italiana e internazionale. Nonostante ciò non se ne conoscono bene le diverse sfaccettature, al punto che capita di essere colti di sorpresa quando si viene a conoscenza che essa è stata la causa di tragedie familiari che alimentano per settimane le cronache nazionali.
L’obiettivo di questa mini guida è quello di fornire informazioni generali e spunti di riflessione sulla gelosia che possano essere utili al lettore per conoscerne meglio il significato ed essere spunto di ulteriori approfondimenti.

BIOGRAFIA
Il Dott. Giacinto D’URSO si occupa di gestione delle Risorse Umane. Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze Politiche, Scienze Diplomatiche e Internazionali, Giurisprudenza e Psicologia nonché i seguenti Master Universitari di I Livello:
Diritto Umanitario Internazionale;
Criminologia, Scienze Investigative e della Sicurezza;
Gestione e Amministrazione delle Risorse Umane.
Il Dott. D’URSO è autore del libro Il Disturbo post traumatico da stress. Il doppio ruolo del sonno e coautore del romanzo La vita incomincia domani: le vicende della seconda guerra mondiale vissute e raccontate da un Soldato italiano entrambi editi da Passerino Editore.

Compralo su Amazon!

Please follow and like us:
error
Posted on

Il Disturbo Narcisistico di Personalità: modelli teorici a confronto, diagnosi e modalità relazionale

Questo lavoro è nato con l’intento di perlustrare l’escalation teorica e clinica della progressione empirica in merito al processo evolutivo, dall’infanzia all’età adulta, germinante il narcisismo patologico. Per tale ragione sono stati messi a confronto diversi modelli teorici classici, la teoria dell’attaccamento seguita dalle implicazioni scientifiche attuali in merito allo sviluppo infantile. È stata illustrata, inoltre, la diagnosi del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM) giunto alla sua quinta edizione e, infine, è stato delineato lo stile relazionale ravvisabile nell’assetto psicopatologico discusso. Le aree sondate attraverso un’accurata ricerca bibliografica, dunque, implicano la genesi, i fattori eziologici e gli influssi consequenziali del Disturbo Narcisistico di Personalità.

Yuliya Sokolova, nata nel 1993, ha conseguito il diploma di maturità presso il Liceo Scientifico Filolao; proseguiti gli studi a Roma, si è laureata a pieni voti in Scienze e Tecniche Psicologiche.
Oltre all’amore per la Psicologia, è appassionata di qualsiasi forma d’arte. Da qui è germinata l’intenzione di tentare l’integrazione delle due passioni, il cui comune denominatore è Narciso.

Compralo cliccando su Amazon, Kobo e tantissime altre librerie digitali!

Please follow and like us:
error
Posted on

Una rilettura critica del femminile tra psicoanalisi e neuroscienze

“Data l’intima connessione tra ciò che distinguiamo in fisico e psichico, dobbiamo ammettere che verrà un giorno in cui, alla conoscenza teorica e speriamo pure a un’attività terapeutica, si apriranno nuove vie conducenti dalla biologia somatica e dalla chimica fisiologica alla fenomenologia delle nevrosi”.
S. Freud

Una rilettura critica del femminile tra psicoanalisi e neuroscienze può essere ridefinita a partire dal significato legato al termine corporeitas, derivato di corporeus, e indicante sia l’avere un corpo sia l’essere un corpo, tema cardine dell’indagine antropofenomenologica che, con Husserl e Merleau-Ponty, ha sottolineato la necessità dell’esperienza corporea.
La rottura psicosomatica, indagata dalla riflessione fenomenologica attraverso la basilare distinzione tra Körper (il corpo che ho) e Leib (il corpo che sono), pone, infatti, le condizioni per reintegrare la percezione e la rappresentazione del corpo come oggetto verso una consapevolezza della soggettività incorporata, che porta all’ incontro con sé e con l’Altro.

Altrettanto fondamentale è l’apporto delle neuroscienze, per quel che riguarda il funzionamento della mente biologica che si fa, inevitabilmente, esperienza vissuta come coscienza fenomenica. In quest’ottica, il tentativo di indagare “due aspetti diversi del medesimo fenomeno umano: il vissuto fenomenologico e il conosciuto oggettivo” fa da sfondo alla relazione tra corpo ed emozioni, nel sottolineare l’importanza del vissuto corporeo, rappresentata nella sofferenza femminile e testimoniata dalla clinica psicopatologica da oltre un secolo. Di ciò si discute ampiamente nei quattro capitoli di questo lavoro, a partire da una reinterpretazione delle origini archetipiche e mitologiche legate alla (e forse determinanti la) percezione dell’essere femminile come continente oscuro. Da qui prende avvio l’analisi di temi fondanti la pratica e la storia del pensiero psicoanalitico – ma dalle radici antichissime in termini di credenze collettive, o ethos – quali il dolore, la colpa, il desiderio, il corpo, la malattia, l’identità, la cura e la guarigione, transitati attraverso le varie forme storiche dei sistemi di sapere e di potere, veicolo dell’immaginario collettivo su quella che è stata considerata da sempre la malattia dell’universo femminile:

“La parola isteria dovrebbe essere conservata, anche se il suo significato originario è assai cambiato. Oggigiorno sarebbe molto difficile cambiare, e ha davvero una storia così interessante e meravigliosa che sarebbe un peccato abbandonarla”.
P. Janet

La diagnosi di isteria è stata ufficialmente abolita nel 1952.

Roberta Donato, laureata in filosofia e psicologia, è attualmente specializzanda in Psicoterapia della Gestalt.  Ha all’attivo diverse pubblicazioni in ambito scientifico. 
http://www.robertadonato.it/

#Amazon

Please follow and like us:
error