The Souls of Black Folk

The Souls of Black Folk is a 1903 work of American literature by W. E. B. Du Bois. It is a seminal work in the history of sociology, and a cornerstone of African-American literature.

The book contains several essays on race, some of which the magazine Atlantic Monthly had previously published. To develop this work, Du Bois drew from his own experiences as an African American in American society. Outside of its notable relevance in African-American history, The Souls of Black Folk also holds an important place in social science as one of the early works in the field of sociology.

William Edward Burghardt Du Bois (February 23, 1868 – August 27, 1963) was an American sociologist, historian, civil rights activist, Pan-Africanist, author, writer and editor.

Buy it on Amazon!

Please follow and like us:
error

Wedding dress

Un agile ebook per aiutare a chiarirsi le idee nel giorno più importante. Sposa e Fisico! I modelli…Abiti e modelli

Francesca Rizzi, laureata in Bocconi a Milano è consulente e fashion blogger. Si occupa di Fashion&Design, Creativity, DM_promo&shout, Consulting&Promo e Made in Italy.

Blog: Cool_Closets 

Compralo su Amazon!

Please follow and like us:
error

Matrimonio e spose…dress code

Un agile ebook per aiutare a chiarirsi le idee nel giorno più importante.
Che tipo di sposa vorresti essere?
Storia, tradizioni e colori degli abiti da sposa
Il colore del vestito da sposa

Francesca Rizzi, laureata in Bocconi a Milano è consulente e fashion blogger. Si occupa di Fashion&Design, Creativity, DM_promo&shout, Consulting&Promo e Made in Italy.

Blog: Cool_Closets

Compralo su Amazon!

Please follow and like us:
error

La malavita a Napoli

In maniera minuziosa e scientifica viene catalogato il vasto mondo della malavita napoletana tra Otto e Novecento. Una ricerca sul campo dell’antropologo Abele De Blasio che, in maniera asettica, scandaglia l’universo criminale della città (all’epoca) più celebre d’Europa.
Un testo che, seppur datato, continua ad offrire parametri interpretativi sempre attuali.

“La fama che godevano i Napoletani come ladri era talmente radicata nel mezzogiorno del nostro Paese, che quando qualche buon villico era obbligato a recarsi in Napoli si sentiva ripetere dai suoi, prima che avesse lasciato il focolaio domestico: «Sii tutt’occhio, perchè Napoli abbonda di ladri» ed i più prudenti tra essi, prima di partire, si facevano cucire dalle nipotine fra le pieghe dei calzoni le monete d’oro ed introdurre fra le scarpe e le calze quelle di argento.
Affinchè non si dica che tale precauzione doveva addebitarsi alla bonarietà di quei paesani, che avevano forse bevuto grosso dai locali sapientoni, è pregato il lettore dare uno sguardo ai varii editti emanati dai Governi ai quali era soggetta questa parte della nostra Penisola, e da alcuni di essi rileverà che quell’articolo del Decalogo che dice: «Non rubare» veniva interpetrato a rovescio da un’estesa casta che da secoli aveva poste sue solide basi in questo paese delle Sirene.”
Dall’incipit del libro.

Abele De Blasio (Guardia Sanframondi, 5 settembre 1858 – Napoli, 5 aprile 1945) è stato un antropologo italiano.

Compralo su Amazon!

Please follow and like us:
error