Olanda

“Olanda” è un bellissimo e raffinato libro di viaggio, scritto nel 1876 ma sorprendentemente attuale, tanto da poter essere raccomandato a chi si prepara a un viaggio presso il paese dei tulipani. “In Olanda le terre sorgono, spariscono e riappaiono, a somiglianza dei regni delle novelle arabe, al tocco delle verghe dei maghi”.

L’autore

Edmondo De Amicis (Oneglia, 21 ottobre 1846 – Bordighera, 11 marzo 1908) è stato uno scrittore e pedagogo italiano. È conosciuto soprattutto per essere l’autore del romanzo Cuore, uno dei testi più popolari della letteratura italiana per ragazzi. In otto anni (1871-79) pubblicò sei libri di viaggio: Spagna, Olanda, Ricordi di Londra, Marocco, Costantinopoli, Ricordi di Parigi, tutti, sebbene in diversa misura, editorialmente fortunati.

#Amazon

Please follow and like us:
error

Viaggio in Etiopia

Questa non è una guida turistica. Non troverete date precise, nomi di imperatori e tutti i locali alla moda di Addis Abeba e dell’Etiopia. Queste pagine sono il racconto di un viaggio in un continente che ho conosciuto solo attraverso documentari e reportage ma mai in prima persona. È stata la prima volta che ho visto veramente l’Africa, un continente in cammino. O, se si vuole, continuamente in viaggio, a qualsiasi ora del giorno, e anche dopo il tramonto. Uomini, donne, bambini e animali diretti verso destinazioni a me sconosciute ma che sembravano chiare a chi, scalzo, copriva la distanza che lo separava da casa o da qualsiasi altro luogo familiare.

L’autore

Giovanni Fantasia
Nato a Gaeta nel 1984 e giornalista pubblicista dal 2008, ha collaborato con quotidiani, periodici, programmi radiofonici e siti internet di informazione. Laureato in Industria Culturale e Comunicazione Digitale, ha ricoperto l’incarico di addetto stampa del Sindaco di Gaeta dal 2007 al 2012.

 

#Amazon

Please follow and like us:
error

Istanbul: Città sospesa tra sogno e realtà

Istanbul, la maggiore città della Turchia, antica capitale dell’Impero ottomano, erede di Bisanzio e di Costantinopoli, città sospesa tra sogno e realtà.

Franca Colozzo è nata nel 1951 a Gaeta (LT), Italia, dove attualmente risiede.
Si è laureata a pieni voti in Architettura presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, con una tesi di laurea a carattere urbanistico sul Sud Pontino, con particolare riferimento alle problematiche del restauro e del riuso dei centri storici, ed ha nel 2007 conseguito un Master di II livello sull’uso nella didattica delle nuove tecnologie, presso l’Università degli Studi di Cassino.
Dopo aver svolto diverse attività lavorative sia in qualità di architetto, libero professionistache di docente a tempo indeterminato, è stata distaccata per conto del Ministero degli Affari Esteri – dal 1996 al 2002 – presso il Liceo Scientifico Italiano (I.M.I.) di Istanbul (Turchia).
Durante il settennio trascorso all’estero, anche grazie all’esperienza multietnica e multiculturale acquisita, ha organizzato diverse mostre di Arte sia presso gli I.M.I., il Liceo delle Suore di Ivrea e l’Istituto Italiano di Cultura, sia presso alcune delle più prestigiose Università di Istanbul (Robert College, Galata Saray Lisesi, Yıldız Universitesi, sede dell’Ordine degli Architetti Turchi, ecc.).
Nel corso delle suddette esibizioni, ha cercato di dare il proprio modesto contributo alla diffusione dell’arte e della cultura italiana attraverso tematiche poetiche ed artistiche, approfondite durante la prassi didattica.
È stata, altresì, incaricata del M.A.E., di svolgere le funzioni di commissario esterno di Disegno e Storia dell’Arte, per l’ Esame di Stato, n. 2 volte presso il Liceo “L. da Vinci” del Cairo (Egitto), presso il Liceo “G. Marconi” di New York (U.S.A) e gli I.M.I. di Istanbul (Turchia), nel 2011.
La sua volontà di calarsi nella nuova realtà, cercando di apprendere la lingua turca presso l’Università “Tömer” di Istanbul – unitamente al perfezionamento delle lingue già di sua conoscenza: francese, inglese, spagnolo e tedesco presso i rispettivi Istituti di Cultura – è stata il volano per gettare un ponte tra due mondi (Occidente ed Oriente) così eterogenei tra loro.
Da questo mix di culture è nata l’idea di pubblicare (1999) il catalogo bilingue: “Resimdeki Didaktik Süreç”, ovvero “Il Percorso Didattico nel Disegno” sui disegni degli studenti degli I.M.I e di contribuire con illustrazioni alla stesura di un Vocabolario Trilingue (italiano, inglese e turco).
Rientrata in Italia, a settembre 2002, ha cercato di trasfondere la personale sperimentazione estera nell’insegnamento presso istituti della Scuola Superiore, da poco rinnovata, attraverso mostre grafiche sul percorso artistico e progettuale dei suoi studenti liceali del Liceo Scientifico “L.B. Alberti” di Minturno (LT) e del Liceo Linguistico/Pedagogico “M. T. Cicerone” di Formia (LT ).
Successivamente, ha pubblicato, nel 2006, l’opuscolo di poesie “Frammenti”, una raccolta lirica che affonda le radici in un passato lontano ed in uno più recente, confinato ai margini di un’adolescenziale gioia di vivere.
Da settembre 2011 si è ritirata definitivamente dall’insegnamento, continuando ad esercitare part-time la libera professione di architetto, dedicandosi con rinnovato impegno alla sua vecchia passione per la pittura, scrittura di racconti, romanzi e poesie.

I mini-ebook di Passerino Editore sono guide agili, essenziali e complete, per orientarsi nella storia del mondo.

#Amazon

Please follow and like us:
error

Il quartiere di Galata

L’affascinante quartiere di Galata, a Istanbul, raccontato da Franca Colozzo.

Franca Colozzo è nata nel 1951 a Gaeta (LT), Italia, dove attualmente risiede.
Si è laureata a pieni voti in Architettura presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, con una tesi di laurea a carattere urbanistico sul Sud Pontino, con particolare riferimento alle problematiche del restauro e del riuso dei centri storici, ed ha nel 2007 conseguito un Master di II livello sull’uso nella didattica delle nuove tecnologie, presso l’Università degli Studi di Cassino.
Dopo aver svolto diverse attività lavorative sia in qualità di architetto, libero professionistache di docente a tempo indeterminato, è stata distaccata per conto del Ministero degli Affari Esteri – dal 1996 al 2002 – presso il Liceo Scientifico Italiano (I.M.I.) di Istanbul (Turchia).
Durante il settennio trascorso all’estero, anche grazie all’esperienza multietnica e multiculturale acquisita, ha organizzato diverse mostre di Arte sia presso gli I.M.I., il Liceo delle Suore di Ivrea e l’Istituto Italiano di Cultura, sia presso alcune delle più prestigiose Università di Istanbul (Robert College, Galata Saray Lisesi, Yıldız Universitesi, sede dell’Ordine degli Architetti Turchi, ecc.).
Nel corso delle suddette esibizioni, ha cercato di dare il proprio modesto contributo alla diffusione dell’arte e della cultura italiana attraverso tematiche poetiche ed artistiche, approfondite durante la prassi didattica.
È stata, altresì, incaricata del M.A.E., di svolgere le funzioni di commissario esterno di Disegno e Storia dell’Arte, per l’ Esame di Stato, n. 2 volte presso il Liceo “L. da Vinci” del Cairo (Egitto),  presso il Liceo “G. Marconi” di New York (U.S.A) e gli I.M.I. di Istanbul (Turchia), nel 2011.
La sua volontà di calarsi nella nuova realtà, cercando di apprendere la lingua turca presso l’Università “Tömer” di Istanbul – unitamente al perfezionamento delle lingue già di sua conoscenza: francese, inglese, spagnolo e tedesco presso i rispettivi Istituti di Cultura – è stata il volano per gettare un ponte tra due mondi (Occidente ed Oriente) così eterogenei tra loro.
Da questo mix di culture è nata l’idea di pubblicare (1999) il catalogo bilingue: “Resimdeki Didaktik Süreç”, ovvero “Il Percorso Didattico nel Disegno” sui disegni degli studenti degli I.M.I e di contribuire con illustrazioni alla stesura di un Vocabolario Trilingue (italiano, inglese e turco).
Rientrata in Italia, a settembre 2002, ha cercato di trasfondere la personale sperimentazione estera nell’insegnamento presso istituti della Scuola Superiore, da poco rinnovata, attraverso mostre grafiche sul percorso artistico e progettuale dei suoi studenti liceali del Liceo Scientifico “L.B. Alberti” di Minturno (LT) e del Liceo Linguistico/Pedagogico “M. T. Cicerone” di Formia (LT ).
Successivamente, ha pubblicato, nel 2006, l’opuscolo di poesie “Frammenti”, una raccolta lirica che affonda le radici in un passato lontano ed in uno più recente, confinato ai margini di un’adolescenziale gioia di vivere.
Da settembre 2011 si è ritirata definitivamente dall’insegnamento, continuando ad esercitare part-time la libera professione di architetto, dedicandosi con rinnovato impegno alla sua vecchia passione per la pittura, scrittura di racconti, romanzi e poesie.

I mini-ebook di Passerino Editore sono guide agili, essenziali e complete, per orientarsi nella storia del mondo.

#Amazon

Please follow and like us:
error