Combattere l’ISIS e il terrorismo internazionale con l’uso legittimo della forza militare

Lo Stato Islamico, o ISIS, è il primo gruppo terroristico a controllare sia un territorio fisico che un ambiente digitale: oltre alle strisce di terra che controlla in Iraq e Siria, domina difatti ampi “territori” di Internet con relativa impunità. Ma difficilmente sarà l’ultimo. Sebbene ci siano ancora alcuni gruppi terroristici marginali nel Sahel occidentale o in altre aree rurali che non integrano digitalmente la loro violenza, è solo una questione di tempo prima che vadano online.

The Islamic State, or ISIS, is the first terrorist group to hold both physical and digital territory: in addition to the swaths of land it
controls in Iraq and Syria, it dominates pockets of the Internet with relative impunity. But it will hardly be the last. Although there are
still some fringe terrorist groups in the western Sahel or other rural areas that do not supplement their violence digitally, it is only a
matter of time before they also go online.

Prefazione a cura di Gian Nicola Pittalis

Gian Nicola Pittalis, nato a Sassari, classe 1974, giornalista professionista con alle spalle diverse pubblicazioni. Esperto in
cultura, sport, cronaca nera. Collabora con alcune delle testate nazionali più importanti. Tra i suoi libri “I Grandi Condottieri della
Serenissima”, “L’Inquisizione a Venezia”, “Se tutti gli chef sono in televisione, noi andiamo in trattoria” con Arrigo Cipriani. Direttore
di testate on line è anche conduttore televisivo.

Giuseppe Paccione si è laureato in Scienze Politiche – corso di studio Economico-Internazionale – presso la facoltà di Giurisprudenza
dell’Università degli Studi “A. Moro” di Bari, discutendo la tesi in Diritto internazionale dal titolo La Protezione Diplomatica con il
Chiarissimo Professore Ennio Triggiani, già ordinario di diritto internazionale e dell’UE. Prossimo al conseguimento della seconda
laurea in Giurisprudenza presso l’Università di Tor Vergata – Roma, egli ha sempre manifestato il suo amore e la propria passione per il
Diritto internazionale e dell’UE, nonché per il Diritto diplomatico e consolare. Collabora come autore di una serie di analisi giuridiche
internazionali per la testata Diritto.it. Scrive per la Gazzetta italo-brasiliana e Il Sestante, come pure per Formiche.net e ha già
collaborato con Difesaonline.it. Ha pubblicato sia come coautore che come autore una serie di libri. Il saggio La forza di Gendarmeria
europea, organizzazione internazionale a carattere regionale, all’interno del volume Costituzione e sicurezza dello Stato” A. Torre
(a cura di), Maggioli editore 2014; L’asilo diplomatico e caso Assange nel diritto internazionale e protezione diplomatica e consolare
nell’UE, Photocity Edizioni, 2014; Pilastri del diritto europeo e italiano sul divieto di discriminazione, nel volume Sport e Identità.
La lotta alla discriminazione in ambito sportivo, A. De Oto (a cura di), Bonomo Editore, 2016; Un mare di abusi. La vicenda dell’Enrica
Lexie e dei due marò nel contesto del diritto internazionale, Adda Editore, 2016.

Compralo su Amazon!

Please follow and like us:
error