Da Costantino a Odoacre Vol. 3 – Cause della decadenza e rovina dell’Impero Romano

Da Costantino a Odoacre Vol. 3 – Cause della decadenza e rovina dell’Impero Romano

La caduta dell’Impero romano d’Occidente viene fissata formalmente dagli storici il 476 d.C., anno in cui Odoacre depose l’ultimo imperatore romano d’Occidente, Romolo Augusto. Ciò fu il risultato di un lungo processo di declino dell’Impero romano d’Occidente in cui quest’ultimo non riuscì a far rispettare il suo dominio sulle sue province e il suo vasto territorio fu diviso in diverse entità. Gli storici moderni hanno ipotizzato diversi fattori causali tra cui il declino dell’efficienza del suo esercito, la salute e il numero della popolazione, la crisi dell’economia, l’incompetenza degli imperatori, le lotte interne per il potere, i mutamenti religiosi e l’inefficienza dell’amministrazione civile. Anche la crescente pressione da parte delle invasioni barbariche, ovvero di popoli estranei alla cultura latina, contribuì notevolmente alla caduta. Sebbene la sua legittimità sia durata per secoli e la sua influenza culturale permanga ancora oggi, l’Impero d’Occidente non ha mai avuto la forza di risorgere, non riuscendo più a dominare alcuna parte dell’Europa occidentale a nord delle Alpi. L’Impero romano d’Oriente, o bizantino, sopravvisse e, sebbene diminuito in forza, rimase per secoli una potenza effettiva del Mediterraneo orientale fino alla sua definitiva caduta nel 1453 da parte dei Turchi ottomani.

I mini-ebook di Passerino Editore sono guide agili, essenziali e complete, per orientarsi nella storia del mondo.

A cura di Antonio Ferraiuolo.

Compralo su Amazon!