Posted on

Il lampionaio delle stelle

Un giorno giunse in città uno strano tipo, era un lampionaio, ma nessuno sapeva da dove venisse e perché fosse là.
Era lì, in fondo al viale, lì dove le voci del giorno si sperdono tra le ombre della sera e nasce il tramonto.
Nessuno l’aveva mai visto ma tutti parlavano di lui. A dire il vero mentre parlo di lui, non so se sia mai esistito, se lo abbia immaginato io o se sia uscito dalla fantasia di qualcuno come una leggenda: non so. Ma di certo so solo una cosa: Non esiste notte senza stelle… Loro sono lì, nel buio del cielo, anche oltre le nubi, a brillare sul cammino degli innamorati, a tracciare la rotta del marinaio, ad illuminare il sentiero dei sogni e dei ricordi… E più in là, c’è un lampionaio che le accende.

Cosmo Pasciuto nasce a Formia il 28 marzo 1972. Sin da giovane esprime la propria passione per la Letteratura, la Filosofia e le Lingue. Laureatosi in Lettere all’Università “La Sapienza” di Roma nel 1996, ha da allora perfezionato le proprie discipline oggetto di insegnamento, quindi ha anche curato l’interesse per la lingua e la cultura francese, interessandosi anche allo studio dell’esperanto. E’ insegnante di Italiano e Latino. Per Passerino Editore ha già pubblicato ” E nessuno risponde” – 2019, (dodici racconti congiunti tra loro dalla filigrana delle umane attese e delle risposte generalmente mancate);  “Il funambolo della sera” – 2020, (un libello prosimetrico ad impianto filosofico, per il quale è risultato tra i finalisti della sezione opere inedite, per la XXXV edizione del “Premio nazionale di Poesia Libero de Libero” 2019); “Il sipario della luna” – 2020 (racconto ambientato nell’antica Roma, in cui lo scrittore immagina l’incontro tra il poeta latino Ovidio e la giovane Fabia nello scenario della Suburra, tra l’Argileto ed il Tempio di Giano); “L’Acchiappanuvole” 2020 (romanzo storico-psicologico).

Compralo su Amazon!

Please follow and like us:
error