Sulla necessità di escludere lo studio della geometria dai pubblici ginnasi e l’Euclide dai licei

Sulla necessità di escludere lo studio della geometria dai pubblici ginnasi e l’Euclide dai licei

ll chimico e matematico Sebastiano Purgotti espone le sue ragioni per eliminare lo studio della geometria nei ginnasi e lo studio di Euclide nei licei italiani.

Sebastiano Purgotti (Cagli, 21 luglio 1799 – Perugia, 31 marzo 1879) è stato un chimico, matematico e filosofo italiano.
Grazie alle sue qualità di studioso e alla sua modestia stringe amicizie illustri ed è nominato membro onorario di trentadue accademie di scienze e di lettere tra cui l’Accademia Nazionale dei Lincei, dei Georgofili di Firenze, la Società di farmacia degli Stati sardi, l’Associazione farmaceutica lombarda e la Società farmaceutica umbra della quale è stato anche presidente. Altre onorificenze gli sono tributate dal Pontefice Pio IX, a cui il Purgotti dedica il suo trattato di chimica, che nel 1851 lo onora di medaglia d’oro quale attestato di stima e nel 1855 lo insignisce della croce dell’Ordine di San Silvestro. Il comune di Perugia nel 1867 conia appositamente per lui una medaglia d’oro mentre il re Vittorio Emanuele II nel 1871 lo nomina cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia.
Cagli, città natale di Sebastiano, il 14 ottobre 1880 celebra solenni onoranze al suo benemerito cittadino dedicandogli una delle principali vie del centro storico: così via Giuoco del Formaggio diviene l’odierna via Purgotti. Nel Salone degli Stemmi del Palazzo Pubblico è stata posizionata una lapide con l’effigie a rilievo del benemerito cittadino al quale pochi anni prima era stato dedicato uno dei medaglioni dei cittadini illustri realizzati a rilievo da Alessandro Venanzi nella balconata del secondo ordine del Teatro Comunale (terminato nel 1876).

Compralo su Amazon!