God-like: Volume II della trilogia “Creazioni F e altri racconti”

Volume II della trilogia “Creazioni F e altri racconti”

Facendo leva sulle robuste reminiscenze prodotte dalla lettura di quasi tutte le opere di Asimov, la natura fantascientifica si evolve, nei racconti di Marcello Colozzo,  in modo esponenziale, grazie all’apporto della fisica quantistica, fino a prodursi in quei messaggi subliminali trasmessi dal transrealismo, di cui l’autore è uno strenuo fautore. Pur costituendo  una forma narrativa che viene da lontano, e che affonda le proprie radici nella metafisica di Bergson e di De Chirico, per poi confluire nell’arte surrealista di Salvator Dalì, e pur rievocando la potenza onirica e visionaria de “L’interpretazione dei sogni” di Freud, lo scopo principale del transrealismo è quello di superare la fase di transizione tra “mondo reale” e “mondo virtuale”, svolgendo una continua ed incessante opera di sovrapposizione.
[Pasquale Prisco]

Marcello Colozzo, nato e residente a Gaeta, esordì nel 1999 con “Artificial jail”, per poi pubblicare: “Universe” (2002), “La ragazza del bar” e “La Cartomante” (2010), “Codice Rishi”, “Lucky Star” (2011), “Joker” (2012), “Creazioni F e altri racconti” (2012), “Bootstrap! altri racconti” (2013), “Sette calze di seta”(2015), Il ludo di Iris (2015). Abigail o della Decadenza (2016).
Shutdown! (2016)
#Amazon

Creazioni F: Volume I della trilogia “Creazioni F e altri racconti”

Volume I della trilogia “Creazioni F e altri racconti”

Facendo leva sulle robuste reminiscenze prodotte dalla lettura di quasi tutte le opere di Asimov, la natura fantascientifica si evolve, nei racconti di Marcello Colozzo,  in modo esponenziale, grazie all’apporto della fisica quantistica, fino a prodursi in quei messaggi subliminali trasmessi dal transrealismo, di cui l’autore è uno strenuo fautore. Pur costituendo  una forma narrativa che viene da lontano, e che affonda le proprie radici nella metafisica di Bergson e di De Chirico, per poi confluire nell’arte surrealista di Salvator Dalì, e pur rievocando la potenza onirica e visionaria de “L’interpretazione dei sogni” di Freud, lo scopo principale del transrealismo è quello di superare la fase di transizione tra “mondo reale” e “mondo virtuale”, svolgendo una continua ed incessante opera di sovrapposizione.
[Pasquale Prisco]

#Amazon

Uomini e paraventi

“Ukiyo-gata rokumai byōbu” (Sei paraventi posti a modello della vita fugace, 1821) è il titolo originale di questo racconto giapponese, tradotto da Antelmo Severini in “Uomini e paraventi” e pubblicato per la prima volta a Firenze nel 1872.

Ryūtei Tanehiko (Edo, 11 giugno 1783 – 24 agosto 1842) è stato uno scrittore giapponese.

Traduzione dal giapponese di Antelmo Severini (1872)

#Amazon

Odi e frammenti

Saffo (in greco antico: Σαπφώ, Sapphó; Ereso, 630 a.C. circa – Leucade, 570 a.C. circa) è stata una poetessa greca antica.

La prima raccolta dei frammenti della famosa poetessa greca.

#Amazon