Ineffabilis Deus

L’Ineffabilis Deus è la costituzione apostolica con la quale il papa Pio IX proclamò l’8 dicembre 1854 il dogma dell’Immacolata concezione di Maria. Il documento passa in rassegna la tradizione della chiesa in merito all’Immacolata, indicando che le radici del dogma si trovano nel lungo tempo in cui è stata celebrata la festa dell’Immacolata nella Chiesa occidentale e orientale. Richiama anche l’assenso dato nel 1849 da parte dei vescovi cattolici di tutto il mondo nel momento in cui fu loro chiesto di esprimere la loro opinione in materia.
La frase centrale del documento è il paragrafo che esprime il dogma dell’Immacolata:
«Perciò, dopo aver presentato senza interruzione, nell’umiltà e nel digiuno, le Nostre personali preghiere e quelle pubbliche della Chiesa, a Dio Padre per mezzo del suo Figlio, perché si degnasse di dirigere e di confermare la Nostra mente con la virtù dello Spirito Santo; dopo aver implorato l’assistenza dell’intera Corte celeste e dopo aver invocato con gemiti lo Spirito Paraclito; per sua divina ispirazione, ad onore della santa, ed indivisibile Trinità, a decoro e ornamento della Vergine Madre di Dio, ad esaltazione della Fede cattolica e ad incremento della Religione cristiana, con l’autorità di Nostro Signore Gesù Cristo, dei Santi Apostoli Pietro e Paolo e Nostra, dichiariamo, affermiamo e definiamo rivelata da Dio la dottrina che sostiene che la beatissima Vergine Maria fu preservata, per particolare grazia e privilegio di Dio onnipotente, in previsione dei meriti di Gesù Cristo Salvatore del genere umano, immune da ogni macchia di peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento, e ciò deve pertanto essere oggetto di fede certa ed immutabile per tutti i fedeli.»

Papa Pio IX (in latino: Pius PP. IX, nato Giovanni Maria Battista Pietro Pellegrino Isidoro Mastai Ferretti; Senigallia, 13 maggio 1792 – Roma, 7 febbraio 1878) è stato il 255º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica dal 1846 al 1878 e 163º e ultimo sovrano dello Stato Pontificio dal 1846 al 1870. Il suo pontificato, di 31 anni, 7 mesi e 23 giorni, rimane il più lungo della storia della Chiesa cattolica dopo quello di san Pietro. Fu terziario francescano ed è stato proclamato beato nel 2000.

Compralo su Amazon!

Please follow and like us:
error

Dei Filius

La Dei Filius è una costituzione dogmatica del Concilio Vaticano I sulla fede cattolica, approvata il 24 aprile 1870, pontefice papa Pio IX.
Il Concilio Vaticano I si aprì l’8 dicembre 1869. Alla fine del mese cominciarono le discussioni sul primo schema intorno agli errori del razionalismo, schema redatto dalla Commissione preparatoria al Concilio nei mesi precedenti la sua apertura. Dopo qualche settimana di studio e di esame, i Padri conciliari bocciarono lo schema ritenendolo oscuro, prolisso, polemico, troppo legato ad un linguaggio del passato, con sottigliezze note solo a pochi specialisti: più che un testo conciliare, fu ritenuto un lavoro erudito da professore di università. Una speciale commissione (la “deputazione della fede”) venne incaricata di preparare un’altra redazione.

Il rigetto dello schema iniziale fu un colpo per papa Pio IX, che pensava ad una rapida approvazione degli schemi preparatori e dunque ad una rapida conclusione del Concilio. Dall’altra parte, i Padri conciliari se ne rallegrarono perché era evidente che il Concilio al suo interno godeva di una certa libertà di movimento e vennero così fugati i timori di quelli che avevano giudicato il Concilio una semplice parata.

Papa Pio IX (in latino: Pius PP. IX, nato Giovanni Maria Battista Pietro Pellegrino Isidoro Mastai Ferretti; Senigallia, 13 maggio 1792 – Roma, 7 febbraio 1878) è stato il 255º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica dal 1846 al 1878 e 163º e ultimo sovrano dello Stato Pontificio dal 1846 al 1870. Il suo pontificato, di 31 anni, 7 mesi e 23 giorni, rimane il più lungo della storia della Chiesa cattolica dopo quello di san Pietro. Fu terziario francescano ed è stato proclamato beato nel 2000.

Compralo su Amazon!

Please follow and like us:
error

Non abbiamo bisogno

Non Abbiamo Bisogno è una lettera enciclica di papa Pio XI, promulgata il 29 giugno 1931, scritta in difesa dell’Azione Cattolica italiana in seguito ai tentativi del regime fascista di eliminarla.
Nell’enciclica viene denunciato da parte del fascismo «il proposito — già in tanta parte eseguito — di monopolizzare interamente la gioventù, dalla primissima fanciullezza fino all’età adulta, a tutto ed esclusivo vantaggio di un partito, di un regime» e la «persecuzione» nei confronti dell’Azione Cattolica operata a tale intento. Da ciò l’occasione per la condanna:
«colpire a tale scopo, come ultimamente si è fatto, le sue Associazioni giovanili equivale ad un vero e proprio impedire che la gioventù vada a Gesù Cristo». Nell’enciclica il Pontefice coglie l’occasione per difendere i Patti Lateranensi e per condannare esplicitamente il fascismo come dottrina totalitaria: «il fascismo è una vera e propria statolatria pagana, non meno in contrasto con i diritti naturali della famiglia che con i diritti soprannaturali della Chiesa».

Papa Pio XI (in latino: Pius PP. XI, nato Ambrogio Damiano Achille Ratti; Desio, 31 maggio 1857 – Città del Vaticano, 10 febbraio 1939) è stato il 259º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica dal 1922 alla sua morte. Dal 7 giugno 1929 fu il 1º sovrano del nuovo Stato della Città del Vaticano.

Compralo su Amazon!

Please follow and like us:
error

Pastor Aeternus

La Pastor Aeternus è una costituzione dogmatica del Concilio Vaticano I sulla Chiesa di Cristo, approvata il 18 luglio 1870, essendo papa Pio IX. Con questa costituzione, il concilio ha definito due dogmi della Chiesa cattolica: il primato papale e l’Infallibilità papale.

Papa Pio IX (in latino: Pius PP. IX, nato Giovanni Maria Battista Pietro Pellegrino Isidoro Mastai Ferretti; Senigallia, 13 maggio 1792 – Roma, 7 febbraio 1878) è stato il 255º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica dal 1846 al 1878 e 163º e ultimo sovrano dello Stato Pontificio dal 1846 al 1870. Il suo pontificato, di 31 anni, 7 mesi e 23 giorni, rimane il più lungo della storia della Chiesa cattolica dopo quello di san Pietro.  Fu terziario francescano ed è stato proclamato beato nel 2000.

Compralo su Amazon!

Please follow and like us:
error